La polimialgia reumatica e l’arterite a cellule giganti

I Stock 1013020878 720X416Px

Il nuovo opuscolo della Lega svizzera contro il reumatismo illustra la polimialgia reumatica e l'arterite a cellule giganti. Le 24 pagine includono informazioni utili su sintomi, frequenza, causa, diagnosi e terapia di entrambe le patologie.

Dopo i 60 anni, la polimialgia reumatica colpisce una persona su 200. Non è ancora chiaro dove di preciso si sviluppi l’infiammazione nell’organismo. L’arterite a cellule giganti è più rara della polimialgia reumatica, ma ha ripercussioni più gravi. Le due patologie possono presentarsi simultaneamente, ma è comunque importante una diagnosi chiara perché l’arterite a cellule giganti richiede un intervento rapido.

L’arterite a cellule giganti causa l’infiammazione della parete dei grandi vasi sanguigni, per lo più dell’aorta e delle arterie che si diramano da essa. In genere questa patologia esordisce con un forte mal di testa improvviso a una tempia. Il rischio maggiore è la perdita della vista. Di conseguenza è necessario iniziare la terapia a base di cortisone il prima possibile.

L’arterite a cellule giganti può anche provocare sintomi polimialgici. Le persone colpite dapolimialgia reumatica soffrono di estesi dolori muscolari(«poli» significa «molti», «mialgia» significa «dolore muscolare») nell’area di spalle, nuca, parte superiore delle braccia nonché nella muscolatura dei glutei, del bacino e delle cosce. I sintomi sono particolarmente marcati di notte o al mattino presto. Le persone colpite fanno fatica ad alzarsi, riescono a malapena a sollevare le braccia e si sentono stanche e spossate.

Polimialgia Acg It391 Titolo 500Px

Anche la polimialgia reumatica viene trattata con preparati cortisonici. In genere i sintomi migliorano molto velocemente dopo l’inizio della terapia.

Chi desidera saperne di più su due patologie relativamente frequenti nelle persone oltre i 60 anni può ordinare l’opuscolo gratuito nello shop in modo semplice e comodo.

Parole chiave