Covid-19: «Personalmente raccomando a tutti di vaccinarsi»

lettura vocale
Covid 19 Fiale di vaccino

Prof. Dr. med. Axel Finckh, è epidemiologo e viceprimario Di Reumatologia presso gli Hôpitaux Universitaires Genève (HUG). Axel Finckh spiega quando è indicata una terza dose, quali medicine dovrebbero essere sospese temporaneamente dopo la vaccinazione e come il vaccino agisce sul corpo.

Lega svizzera contro il reumatismo: Che effetto ha il vaccino Covid-19 nelle persone con una malattia autoimmune?

Axel Finckh: Uno studio di San Gallo mostra che le persone affette da artrite reumatoide esaminate, molto spesso, non hanno evidenziato una forte risposta immunitaria dopo la prima dose. In realtà ci vogliono due dosi di vaccino perché questa risposta aumenti in modo significativo. Dopo la seconda dose, le persone in esame sono risultate approssimativamente allo stesso livello dei soggetti sani vaccinati dopo la prima dose. Uno studio olandese dimostra anche che la maggior parte delle persone con una malattia autoimmune ha una risposta immunitaria sufficiente solo dopo la seconda vaccinazione. Un'eccezione è rappresentata dai pazienti trattati con rituximab. Tuttavia, anche la risposta immunitaria basata sugli anticorpi dovrebbe essere un po’ relativizzata. Esiste anche una risposta immunitaria cellulare e questa è più alta nei pazienti trattati con rituximab che negli altri. Lo ha dimostrato uno studio che abbiamo condotto internamente all'ospedale. Quindi sembra che il corpo compensi il basso livello di anticorpi. Ma questo valore cellulare non viene preso in considerazione quando si rileva la normale risposta immunitaria.

Lega svizzera contro il reumatismo: L'UFSP raccomanda di rilevare gli anticorpi nelle persone in terapia immunosoppressiva almeno un mese dopo la seconda dose di vaccino. Con quali valori si dovrebbe procedere a una terza vaccinazione?

Axel Finckh: A questa domanda è difficile rispondere, in quanto dipende dal tipo di test. A Losanna e Ginevra, dove usiamo il test Roche, abbiamo fissato la soglia di una risposta vaccinale sufficiente a 300. A Basilea adoperano lo stesso test, ma hanno fissato il valore a 150. Dal fornitore di servizi diagnostici Unilabs, che a sua volta utilizza un test diverso, la soglia è 1000. Il medico curante deve quindi sapere qual è il livello di protezione che corrisponde al rispettivo test. Tuttavia, non ha senso rilevare gli anticorpi prima di un mese dopo la seconda dose di vaccino, poiché fino ad allora gli anticorpi sono ancora in aumento. Se in seguito i valori si abbassano, ci si deve vaccinare una terza volta. Se invece sono molto alti, due dosi sono sufficienti. La difficoltà, ovviamente, è data dai valori intermedi.

Lega svizzera contro il reumatismo: La risposta alla vaccinazione può essere influenzata dalla sospensione degli immunosoppressori?

Axel Finckh: In relazione al vaccino antinfluenzale, uno studio del 2018 ha mostrato che la risposta immunitaria è circa il 20 per cento più alta se il metotrexato (MTX) viene sospeso per una quindicina di giorni dopo la vaccinazione. La domanda che ci si pone è se questo vale anche per la vaccinazione Covid-19. In America si consiglia ai malati di interrompere l'MTX una settimana prima e una dopo la vaccinazione, a condizione che la malattia sia stabile. Lo stesso vale per gli inibitori JAK e abatacept (Orencia®). A tale proposito in Svizzera non abbiamo registrato linee guida. Quando si smette, c'è sempre il rischio che la malattia ritorni attiva, il che aumenta anche il pericolo di un peggioramento. Tuttavia, personalmente io raccomando ai miei pazienti di fare una pausa quando la loro malattia è stabile.

Lega svizzera contro il reumatismo: Questo vale anche per altri principi attivi immunosoppressori?

Axel Finckh: Anche abatacept riduce la risposta immunitaria di circa il 50%. In combinazione con MTX, il valore è ancora più basso. Per i pazienti che assumono questi farmaci, ha senso fare una pausa quando l'attività della malattia lo permette. Con il rituximab, naturalmente, questo è difficile perché si assume ogni sei mesi. Ma con abatacept, se viene somministrato per via sottocutanea, funziona. Gli inibitori del TNF o di IL-17 come monoterapia non compromettono la risposta immunitaria, né aumentano il rischio di un decorso grave. La situazione è diversa quando vengono somministrati in combinazione con una terapia di base.

Lega svizzera contro il reumatismo: La vaccinazione può scatenare una ricaduta?

Axel Finckh: Non posso garantire che non succeda nulla. Ma è molto raro che qualcuno che è in remissione sviluppi una malattia attiva dopo la vaccinazione. In uno studio internazionale di persone affette da lupus, circa il 3% dei partecipanti ha riferito di aver avuto una ripresa dopo la vaccinazione. Tuttavia, qui bisogna dire che la stanchezza, i dolori articolari e muscolari o la febbre possono anche essere normali sintomi di accompagnamento della vaccinazione. Quindi può essere difficile distinguere un sintomo dall'altro. Un altro studio ha mostrato che la maggior parte delle persone con malattia autoimmune intervistate si è sentita stabile o addirittura meglio dopo la vaccinazione.

Lega svizzera contro il reumatismo: Possiamo aspettarci qualche effetto sul corpo se in futuro dovessimo essere regolarmente vaccinati contro il Covid-19?

Axel Finckh: Ogni volta che saliamo su un treno, possiamo entrare in contatto con un nuovo virus che il nostro corpo non conosce ancora e contro cui deve combattere. In teoria, ogni dieci anni ci vacciniamo contro il tetano e lo facciamo da 60 anni senza problemi. Per il Covid-19 la situazione mi sembra molto simile. Il vaccino mRNA iniettato rimane nel corpo solo per un breve periodo. Il dolore nel braccio di inoculazione del vaccino si verifica perché le cellule hanno preso l'mRNA e iniziano a produrre la proteina S. Il corpo invia quindi i «soldati», le nostre cellule immunitarie, a distruggere queste cellule. Poche ore dopo, non rimane nulla nemmeno a livello cellulare. A nostro parare, l'idea che l'mRNA possa entrare nella cellula e poi convertirsi in DNA, è impossibile.

Lega svizzera contro il reumatismo:In questo caso, quindi, raccomanderebbe la vaccinazione a tutti quelli che possono?

Axel Finckh: Non esiste un vaccino perfetto. Forse avete letto che un vaccino contro la malaria è stato approvato per la prima volta qualche giorno fa. Questo risultato è stato persino considerato per il premio Nobel, anche se il vaccino ha un tasso di efficacia del 30%. Per i vaccini Covid, questo tasso va dal 95 al 97 per cento, soprattutto nei primi mesi dopo la vaccinazione. Fino ad oggi più di tre miliardi di persone sono state vaccinate in tutto il mondo. Ora conosciamo abbastanza bene il vaccino e non ci sono stati grandi problemi. Personalmente, consiglio a tutti di vaccinarsi per poter uscire presto da questo momento difficile.

Data dell’intervista: 3 novembre 2021.
Autore: Simone Fankhauser

Dichiarazione su possibili conflitti d’interesse
Axel Finckh è coinvolto in uno studio sulla vaccinazione della SCQM Foundation finanziato da Moderna e Pfizer. Dichiara di non avere interessi personali legati alla vaccinazione.

Parole chiave