Nati per camminare

Corsa

L’evoluzione ha fatto dell’uomo un instancabile camminatore dalle lunghe gambe. Il forte tendine d’Achille e l’ingegnosa struttura arcuata del piede accumulano molta energia cinetica. I massicci calcagni ammortizzano i colpi. E le dita corte facilitano lo spiegamento del piede.

Il vantaggio evolutivo decisivo dell’uomo è stata, più che la posizione eretta, la capacità di camminare a lungo. A piedi nudi, per essere più precisi. Poiché camminando a piedi nudi, i piedi ricevono degli stimoli. I piedi compensano le irregolarità del terreno in maniera attiva. Stimolano la sensibilità e rafforzano i muscoli. Se al contrario i piedi sono costretti tutto il giorno nelle calzature, i muscoli e le terminazioni nervose iniziano ad atrofizzarsi.

Anatomia del piede

Basta dare un’occhiata all’anatomia del piede umano per scoprire un capolavoro arcuato longitudinale e trasversale, costituito da 26 ossa, 32 articolazioni, 31 gruppi muscolari e 107 tra tendini e legamenti.

L’arco longitudinale che si estende dall’articolazione basale dell’alluce al tallone riceve la stabilità soprattutto dalle tre ossa cuneiformi. Queste ossa a forma di cuneo sono simili, non a caso, alle chiavi di volta di un arco romano stabile.Clinicamente si distinguono tre zoni del piede: avampiede, mesopiede e  retropiede.

Clicca sulle foto per ingrandire.

Piede nella vista laterale
  1. Articolazione basale dell’alluce
  2. Ossa metatarsali
  3. Ossa cuneiformi
  4. Osso navicolare
  5. Talo (Astragalo)
  6. Calcagno
  7. Articolazione tibio-tarsica
  8. Articolazione talo-crurale

Parole chiave