Difficoltà di dual tasking: Se due compiti contemporaneamente sono uno di troppo

Box 4

Esistono test clinici che verificano se le persone, camminando, riescono a confrontarsi con una situazione quotidiana di dual tasking. Si pone alle persone una domanda e si osserva se queste sono in grado di rispondere mentre camminano o meno. Uno studio pionieristico* del 1997 ha dato un risultato sorprendente: la maggioranza di coloro che si sono fermati per rispondere alla domanda ha subito una caduta nell’arco di sei mesi.

Cognizione e motricità

Per «dual tasking» si intende l’esecuzione simultanea di un movimento attivo (motricità) e di un compito mentale (cognizione), p.es. camminare e parlare contemporaneamente. Oppure salire le scale (motricità) e riconoscere nel mazzo di chiavi quella di casa (cognizione).

Molti anziani hanno difficoltà a gestire le situazioni di dual tasking quotidiane, poiché le loro riserve cognitive con l’età diminuiscono. Lo squillo del telefono, il miagolio del gatto o il traboccamento del latte riescono a catturare tutte le risorse di attenzione disponibili, che vengono pertanto a mancare per lo svolgimento di altri contemporanei segnali, stimoli e attività

Il rischio di caduta è ancora più grande quando si aggiungono altri fattori di rischio, per esempio il ritardo dei riflessi nell’equilibrio dovuto all’età o le irregolarità dell’andatura causate da dolori articolari di natura reumatica. E così, è stato dimostrato** che la probabilità di cadere durante una situazione di dual tasking in caso di andatura anomala è cinque volte maggiore.

Potenziamento delle capacità di dual tasking

Tuttavia non è il caso di accettare la difficoltà di svolgere due compiti contemporaneamente come un segno del destino. È possibile infatti esercitare l’esecuzione di doppi compiti motori e motori-cognitivi e migliorare significativamente con la pratica.

Fonte

* Lundin-Olsson L., Nyberg L., Gustafson Y.: «Stops walking when talking» as a predictor of falls in elderly people. Lancet 1997; 349: 617

** Beauchet O., Annweiler C., Dubost V. et al.: Stops walking when talking: a predictor of falls in older adults? Eur J Neurol 2009; 16:
786-795

Parole chiave