Carenza di vitamina D in Svizzera

Alimentazione

La vitamina D comprende in realtà tutta una famiglia di sostanze. Le principali sono la vitamina D3 (colecalciferolo) e la vitamina D2 (ergocolecalciferolo). La vitamina D è importante per il metabolismo osseo e, insieme al calcio, può contrastare l’insorgere dell’osteoporosi.

La vitamina D è l’unica vitamina che l’uomo è in grado di produrre da sé mediante l’azione della luce solare e del calore. Tuttavia, la produzione endogena della vitamina D diminuisce con l’età. E solo pochi alimenti, come per esempio il pesce grasso, il fegato o il tuorlo forniscono grandi quantitativi di vitamina D.

Carenza di vitamina D in Svizzera

Da uno studio svizzero* è emersa una carenza di vitamina D nel 70% della popolazione più anziana, nel 50% dei casi si tratta persino di una grave carenza di vitamina D. Uno studio zurighese condotto nel 2010 sulla rottura dell’anca ha evidenziato che l’80% dei pazienti colpiti soffriva di una carenza di vitamina D3.

La Lega svizzera contro il reumatismo consiglia alle persone anziane di integrare l’alimentazione con la vitamina D. Assumendo una dose quotidiana di 800 I.E. (= 0,02 mg) di vitamina D si previene il 30% delle rotture del femore nonché molte cadute che necessitano poi di assistenza.

La vitamina D può essere assunta giornalmente, poiché non ha effetti indesiderati nel corpo di un adulto.

Parole chiave